Un temperamento invernale

Era una bella donna.

Non si può dire che non lo fosse, ma c’era in lei qualcosa di sbagliato, di disarmonico. Non era una di quelle persone che attraversano la strada come se dividessero le acque del Mar Rosso: parlando al cellulare sembrano promettere accordi ragionevoli e patti col Demonio. Hanno frangette perfettamente allineate con il disegno delle sopracciglia e indossano cappottini del colore giusto.

Continua a leggere