IL PRINCIPE AZZURRO

Che aspetto ha il Principe Azzurro? Come si riconosce?

Ogni donna si è fatta questa domanda, prima o poi, e ogni rivista femminile ha dedicato all’argomento almeno un approfondimento. Si tratta di un tema molto dibattuto, soprattutto in questi tempi caratterizzati dalla confusione sui ruoli tradizionali e dall’incertezza delle fonti. Peraltro, non si può pensare di cavarsela consultando Google Images o smanettando furiosamente online. Pensate che non esiste nemmeno un’app che aiuti a orientarsi in questo labirinto metafisico.

Visto che è una questione di metodo, sarà meglio partire dalle basi. Che stiate cercando il Principe Azzurro per sposarlo o per giustiziarlo, sarà bene sapere com’è fatto.

Il Principe Azzurro non è azzurro

Il Principe Azzurro (d’ora in avanti abbreviato in P.A.) non è azzurro, ma nemmeno bianco, nero, giallo, rosso, verde, a righe nè a quadretti. I suoi attributi sono morali. La sua innata predisposizione a schierarsi a favore delle minoranze e dei più deboli, ne fa un outsider. Un indizio potrebbe essere la fede calcistica: se è inglese tifa Leicester, se è spagnolo Atletico, se è tedesco Herta Berlino, se è italiano non è gobbo di sicuro. Se credete che il P.A. sia un nababbo o un rappresentante della classe dirigente, potreste trovarvi completamente fuori strada e commettere un madornale errore.

Il Principe Azzurro non ha paura del giudizio altrui

Uno dei maggiori segnali che identificano un P.A. è la sua totale indipendenza dalla pubblica opinione. Al P.A. non interessa cosa pensano gli altri delle sue scelte: risponde soltanto alla propria legge interiore.

Il Principe Azzurro è capace di amore profondo e incondizionato

Sottoponete il vostro candidato a un test: mettetelo a confronto con un Cucciolo (non importa se di cane, di tigre, di ornitorinco o di umano). Se non può fare a meno di curare il Cucciolo e antepone i bisogni e il benessere del cucciolo alla propria utilità, allora le probabilità di avere incontrato un  P.A. aumentano.

Il Principe Azzurro impara dai propri errori

Un P.A. non farà mai la stessa identica cazzata. Magari ne farà una serie in sequenza, una dietro l’altra, per distrazione, stanchezza o noncuranza. Potrebbe farvi uscire dai gangheri per la testardaggine, le manie di grandezza o per la sua vanità, ma imparerà dai propri sbagli e sarà capace di balzi evolutivi notevoli quanto improvvisi.

Il Principe Azzurro non è frutto di un patrimonio ereditario

Il Principe Azzurro non raggiunge il proprio status per successione, genetica o esecuzione testamentaria. Il rango non è ereditario e non si tramanda. La qualifica di P.A. non si ottiene alla fine di un corso di studi o al raggiungimento di un determinato livello, non si compra e non si vende. E’ l’anima del P.A. ad essere azzurra, e per determinarne la limpidezza occorre possedere un cuore puro.

Il Principe Azzurro è un rivoluzionario

Anche se a prima vista potrebbero sembrare estreme o poco ortodosse, le idee del P.A. sul’amore e sulla vita non corrispondono al sentire comune. Può darsi che all’inizio vi sentiate un po’ a disagio di fronte all’inconsueto approccio alla realtà del P.A. Non stupitevi se inventa le cose o modifica i ricordi:  le sue non sono menzogne ma trattamento creativo della percezione. Prima o poi, farete chiarezza.

Il Principe Azzurro è bello

La bellezza del P.A. si trova nella luce che ha il suo sguardo, nella dolcezza del suo tocco, nella seduzione del suo sorriso. Anche se non capite cosa vi piace esattamente, vi sentirete attratte dal P.A, come una puntina da disegno dalla calamita. Non dimenticate che VOI siete la calamita.

Il Principe Azzurro è simpatico

Non può esistere un P.A. noioso, che non prova di tutto per farvi divertire con battute di spirito, intrattenimenti e animazioni. Anche i P.A. che amano la casa e apprezzano le comodità sanno trasformare la quotidianità in un’avventura, grazie al loro spirito altruista e giocoso. Ma lasciate stare il telecomando, per carità.

Il Principe Azzurro è curioso

Al P.A. piacciono le novità, ha sete di conoscenza e cerca senza sosta le risposte ai dubbi e alle domande sulla vita e sul mondo. L’esistenza del P.A. è una continua ricerca di senso, che si conclude solo all’esaurirsi della parabola. Anche voi fate parte di questa indagine, anzi, ne siete proprio l’obiettivo: soprattutto, il P.A. si chiede cosa ve ne fate di tutte quelle mutandine.

Concludendo, il Principe Azzurro è una persona in carne e ossa con determinate qualità, non è un curriculum vitae o un conto in banca. Il Principe Azzurro è impegnato a camminare nel buio e a guardarsi dentro per trovare la strada. E’ per questo che troverete il P.A. non davanti a voi, e tanto meno dietro di voi, ma di fianco.

A proposito, avete provato a cercarlo su Amazon?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...